Les Touches Louches

Il quartetto Les Touches Louches, attivo a Bologna dal 2008, ricerca le proprie sonorità a partire da una miscela di swing e musiche popolari. I concerti dei Les Touches Louches creano l’atmosfera intensa di un viaggio, accompagnato dalle parole delle canzoni di Claudio Cadei, cantautore e compositore del gruppo. A questo repertorio di musiche originali se ne aggiunge un altro fatto di interpretazioni, che spazia da brani classici del gypsy swing, a musiche di varie tradizioni e proveniene, dal klezmer, al tango, alle melodie dei Balcani. Lo spettacolo che ne risulta è molto dinamico: vi sono parti movimentate in cui il violino e il clarinetto si armonizzano alla maniera delle fanfare est-europee; vi sono altri momenti in cui si abbracciano le atmosfere più intime dello swing.

“La Terra di Nessuno” è il secondo disco de Les Touches Louches, in cui, a partire dal gypsy swing, il quartetto intraprende un viaggio di esplorazione fra diverse sonorità, dal mondo mediterraneo, al klezmer, alla musica gitana, alternando atmosfere sognanti e bruschi ritorni alla realtà del presente. Nessuno è un viaggiatore nostalgico, è l’uomo costretto a sfidare il mare aperto, è il migrante che attraversa di nascosto le frontiere.
Line up:
Claudio Cadei – violino
Daniele Cangini – clarinetto
Simone Marcandalli – chitarra
Pippi Dimonte – contrabbasso

 

In programma al P.D.F. il 30 dicembre 2018 h17.00 presso l’Orto dei Frutti Dimenticati (ingresso con consumazione)  e 23.30 (ingresso libero) nell’Hot Club Ostello del Montefeltro

 

I commenti sono chiusi